´╗┐ Edilweb.it l edilizia sul web...
 EDILWEB.IT
  Aggiungi ai Preferiti
Manda un'Email

 Contenuti
 
Home
Edilweb News
Articoli sulla teoria e critica dell' Architettura
Articoli di Architettura
Articoli di Ingegneria Strutturale
Articoli di Ingegneria Idraulica
Articoli di Ingegneria dei Trasporti
Articoli di Ingegneria Geotecnica
Articoli di interesse tecnico
Archivio articoli per data
Articoli più letti
Contatti
Downloads
Edilweb Links
Invia un articolo
Segnala questo sito
Supporters
Statistiche

 Progettisti celebri
 

 Cerca nel sito
 



 NovitÓ Andil
 

 Bacheca Annunci
 


Il tubo del lago di Como
Postato il di tok
Articoli di ingegneria dei trasporti
L'ipotesi che si illustra in questa pubblicazione potra' apparire stravagante, forse indurre allo scetticismo. Sono reazioni prevedibili e persino giustificabili. Ma sono il sintomo di uno degli aspetti piu' deprimenti e rischiosi di questi tempi di crisi: l'incapacita' di "pensare e progettare il futuro" di " pensare in grande" superando i problemi congiunturali...

Scritto da Gianfranco Magrini
presente anche su: http://it.geocities.com/tubolario/

La nuova strada che qui si illustra è costituita da un manufatto interamente sommerso nel lago a una profondita' media di 20 metri sotto il livello di magra. Nella parte tipo, l'arteria è formata da due tubi cilindrici collegati tra loro da travature. Staticamente, la struttura è dimensionata in modo che anche a pieno carico tenda a galleggiare, ma è mantenuta sommersa da tiranti ancorati a zavorre appoggiate sul fondo del lago.

Ciascuno dei due tubi paralleli è suddiviso in quattro vani: i due superiori ospiteranno le due carreggiate autostradali (una ascendente, l'altra discendente); i due vani inferiori ospiteranno una strada, ferrata a doppio binario per convogli ferroviari internazionali e una strada ferrata a doppio binario per convogli di tipo metropolitano adattati in ambito regionale.

Il diametro interno di ciascun tubo sara' di metri 15,50; le carreggiate autostradali saranno larghe 11,25 metri e avranno ciascuna due corsie di marcia piu' una d'emergenza. La strada ferrata avra' le dimensioni normali.

 

Il tubo scendera' dai Piani di Spagna, nell'alto lago, verso Bellagio e qui si biforchera' per raggiungere da una parte Como e dall'altra Lecco. A Como e a Lecco si prevedono sbocchi multipli. Come ferrovia e autostrada "del lago" si collegheranno rispettivamente con la linea ferroviaria internazionale Como-Chiasso e con l'autostrada internazionale Milano-Lugano, mentre la metropolitana emergera' in corrispondenza della stazione a lago delle Ferrovie Nord Milano. A livello di svincolo sono previsti altri due sbocchi per l'autostrada, uno sul prolungamento di viale Varese a lato del museo voltiano e l'altro sul prolungamento di viale Lecco a lato della stazione delle Ferrovie Nord Milano.

A Lecco l'autostrada si colleghera' a Malgrate con la superstrada Milano-Lecco e la metropolitana s'immettera' sempre a Malgrate, nella rete delle ferrovie della Brianza. La ferrovia infine si colleghera' con l'attuale rete in corrispondenza della stazione di Lecco per proseguire verso Bergamo, oppure verso Milano. Un raccordo autostradale sfocera' inoltre sulla sponda orientale del lago e si colleghera' con l'attuale viabilita' e in particolare con la nuova circonvallazione.

Lungo tutto il suo sviluppo, l'arteria sommersa prevede una serie di raccordi con le due sponde in corrispondenza dei seguenti centri: Moltrasio - Torno, Careno - Torriggia, Argegno - Cavagnola, Lezzeno - S.Giovanni, Tremezzo - Bellagio - Fiumelatte, Menaggio - Varenna, Dervio - Rezzonico, Dongo - Olgiasca, Gravedona - Monteggia, Lierna - Mandello - Abbadia Lariana con la sponda occidentale del ramo di Lecco.

Il tubo potrebbe inoltre collegare alle due sponde le "isole galleggianti" da collocare, secondo un progetto allo studio, sulla superficie del lago.

Ciascun raccordo conterra' uno svincolo autostradale e un tapis roulant per accedere alle stazioni della metropolitana. Questi tapis roulant (o marciapiedi mobili) potranno essere direttamente collegati con il centro dei singoli paesi, offrendo alle comunita' nuovi servizi e nuove opportunita' urbanistiche.

Il progetto prevede in particolare l'estrazione dei materiali inerti per la confezione del calcestruzzo con cui sara' realizzato il tubo in cave scavate nelle montagne sovrastanti il lago, in corrispondenza dei paesi. Una volta ultimato il tubo le cave - gallerie resteranno a disposizione delle comunita' locali che potranno utilizzarle per realizzare parcheggi, depuratori, palestre, supermercati, magazzini, cinema, teatri, locali di ritrovo.

Questo sviluppo urbanistico "in sotterranea" consentira' di preservare al meglio il patrimonio naturale della zona. Infine le gallerie potrebbero costituire rifugi antiatomici per buona parte del bacino del Lario

http://it.geocities.com/tubolario/
 
 Links Correlati
  · Inoltre Articoli di ingegneria dei trasporti
· News by tok


Articolo più letto relativo a Articoli di ingegneria dei trasporti:
Le origini della ferrovia


 Votazione Articolo
 
Risultato medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo!

Ottimo
Molto interessante
Interessante
Normale
Brutto


 Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Immagine dell' argomento associato a questo Articolo

Articoli di ingegneria dei trasporti

´╗┐ edilweb.it...l\' edilizia sul web