´╗┐ Edilweb.it l edilizia sul web...
 EDILWEB.IT
  Aggiungi ai Preferiti
Manda un'Email

 Contenuti
 
Home
Edilweb News
Articoli sulla teoria e critica dell' Architettura
Articoli di Architettura
Articoli di Ingegneria Strutturale
Articoli di Ingegneria Idraulica
Articoli di Ingegneria dei Trasporti
Articoli di Ingegneria Geotecnica
Articoli di interesse tecnico
Archivio articoli per data
Articoli più letti
Contatti
Downloads
Edilweb Links
Invia un articolo
Segnala questo sito
Supporters
Statistiche

 Progettisti celebri
 

 Cerca nel sito
 



 NovitÓ Andil
 

 Bacheca Annunci
 


Moonbit per esplorare la luna
Postato il di edilweb
Articoli di geotecnica

"Abbiamo simulato la perforazione del suolo lunare individuando gli ostacoli rocciosi e inviando i dati acustici alla Terra". Così hanno commentato i ricercatori di OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di Trieste) assieme a Selex Galileo, azienda che vanta una lunga e prestigiosa presenza di nei programmi spaziali internazionali, e TeleSpazio, azienda leader nei servizi satellitari. 

Per oltre un anno i ricercatori OGS e i loro colleghi hanno preparato questo esperimento, denominato Moonbit, allo scopo di provare che la tecnologia seismic while drilling è utilizzabile anche su un suolo poco conosciuto come quello lunare, dove ostacoli rocciosi imprevisti potrebbero mandare a monte anni di preparativi e ingenti investimenti finanziari.

Assieme a OGS hanno dato il loro contributo in know-how e tecnologia anche Selex Galileo, che ha fornito la trivella perforante e TeleSpazio, che gestisce il controllo remoto e la trasmissione (simulata) dei dati sulla Terra durante la perforazione.  "Il metodo SWD sviluppato da OGS - ha spiegato Flavio Poletto, fisico e dirigente di ricerca in OGS al termine della dimostrazione - utilizza il rumore di perforazione per ottenere immagini del sottosuolo durante la perforazione stessa.

Normalmente, cioè sul pianeta Terra, viene applicato all´esplorazione di pozzi o tunnel e permette di aggiornare tempestivamente il piano/percorso di perforazione poichÚ individua variazioni e ostacoli che potrebbero creare difficoltà per il raggiungimento dell´obiettivo. In questo caso il terreno che abbiamo trivellato aveva caratteristiche diverse, particolari: si è trattato di un simulante della regolite lunare, cioè una polvere finissima che possiede caratteristiche simili a quelle del suolo lunare, molto diverse da quelle che incontriamo solitamente sulla Terra". 



Per l´esperimento sono state usate diverse componenti tra loro integrate. Il primo elemento è il sistema di perforazione assieme allo "scalpello" impiegato per la perforazione, uno strumento lungo circa due metri che rappresenta la fonte stessa di onde acustiche/elastiche (sismiche) le quali, propagandosi nel sottosuolo, producono segnali diretti e riflessi. Bersaglio dello scalpello è stato il simulante della regolite: una polvere finissima alloggiata in un contenitore da circa due tonnellate al cui interno sono stati collocati "ostacoli rocciosi" al fine di simulare variazioni impreviste nel sottosuolo lunare. La trivellazione è stata guidata con un sistema elettronico che controlla le condizioni istantanee di perforazione.

Per rilevare le onde sismiche sono stati impiegati geofoni e accelerometri opportunamente disposti nel contenitore, che hanno ricevuto il segnale generato dalla trivellazione, e un sistema di elaborazione che prepara il dato sismico per la tempestiva trasmissione sulla Terra. A tal fine, è stato usato un sistema che simula il controllo e la trasmissione remota dei dati dell´operazione lunare fin sulla Terra. "Lo studio delle caratteristiche del suolo lunare - ha sottolineato Piero Corubolo, ricercatore OGS che si occupa dello studio della geologia lunare - sta riscuotendo un crescente interesse.

Si calcola che la superficie della Luna sia ricoperta da uno strato variabile di circa 2-10 mt di regolite, che deriva da impatti cosmici con micro-meteoriti, e che sembra essere ricca in elio-3 (He3). L´elio-3 potrebbe costituire, in un futuro non vicinissimo, il carburante per i futuri reattori a fusione, che si spera prima o poi verranno realizzati".

"Abbiamo sviluppato la nostra tecnologia in cooperazione con l´industria petrolifera e il finanziamento di progetti europei, iniziando più di venti anni orsono" conclude Poletto. "Da allora, sulla Terra, abbiamo monitorato con misure di sismica while drilling circa 40 pozzi a scopo di ricerca e per fini industriali (individuazione di idrocarburi, studi di geotermia). Ora la stiamo sperimentando per le perforazioni planetarie, in questo caso sulla Luna. E i primi risultati sono senz´altro incoraggianti".

Fonte: OGS

http://www.ogs.trieste.it/

 
 Links Correlati
  · Inoltre Articoli di geotecnica
· News by edilweb


Articolo più letto relativo a Articoli di geotecnica:
E' nata storta la torre di pisa...


 Votazione Articolo
 
Risultato medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo!

Ottimo
Molto interessante
Interessante
Normale
Brutto


 Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Immagine dell' argomento associato a questo Articolo

Articoli di geotecnica

´╗┐ edilweb.it...l\' edilizia sul web