´╗┐ Edilweb.it l edilizia sul web...
 EDILWEB.IT
  Aggiungi ai Preferiti
Manda un'Email

 Contenuti
 
Home
Edilweb News
Articoli sulla teoria e critica dell' Architettura
Articoli di Architettura
Articoli di Ingegneria Strutturale
Articoli di Ingegneria Idraulica
Articoli di Ingegneria dei Trasporti
Articoli di Ingegneria Geotecnica
Articoli di interesse tecnico
Archivio articoli per data
Articoli più letti
Contatti
Downloads
Edilweb Links
Invia un articolo
Segnala questo sito
Supporters
Statistiche

 Progettisti celebri
 

 Cerca nel sito
 



 NovitÓ Andil
 

 Bacheca Annunci
 


PROCESSO CIVILE TELEMATICO
Postato il di edilweb
Edilweb News

IL TRIBUNALE ETNEO LANCIA L’APPELLO AI CTU

SISTEMA INGOLFATO: «MENO CARTE, PIU’ HI TECH PER PROCESSI VELOCI E SICURI»

 

CATANIA – Anche se dovremmo attendere ancora un po’ per veder tramontare il “processo tradizionale”, s’intravede già l’alba di una svolta “hi tech” per il Sistema Giustizia. E Catania non sta a guardare: si chiama “Processo civile telematico” ai più noto come PCT, il nuovo sistema di digitalizzazione che in Italia conta 14 sedi operative –in Sicilia sono interessate le città di Palermo e Catania appunto – accomunate da un traguardo: lo snellimento delle procedure. 



Sicurezza, tutela e maggiore qualità del servizio sono alla base del percorso intrapreso dal Tribunale etneo - e in particolare dalla VI sezione civile Ufficio esecuzioni immobiliari e dalla IV sezione Fallimentare - che lancia un appello alle categorie professionali direttamente coinvolte. Appello palesato dagli stessi presidenti delle sezioni, rispettivamente Adriana Puglisi e Angelo Giorlando, invitati ieri – 30 novembre - al seminario “Gli strumenti del Processo civile telematico per i professionisti Ctu”, promosso congiuntamente dagli Ordini provinciali degli Ingegneri e degli Architetti, la cui ha sede ha ospitato una platea gremiti di iscritti. «Ancora una volta ci impegniamo nell’interesse delle categorie che rappresentiamo – ha esordito il presidente degli Architetti Luigi Longhitano – insieme agli ingegneri già da tempo percorriamo la stessa direzione, quella della valorizzazione e del miglioramento della professione. Su questa scia l’anno prossimo realizzeremo il progetto “Camera della mediazione”  che ci vedrà impegnati in prima linea al servizio della comunità». Sinergia sottolineata anche dal presidente degli Ingegneri Carmelo Maria Grasso:  «Da tempo manifestiamo con i fatti la nostra apertura nei confronti delle Istituzioni con atti concreti a cui non sempre è arrivato il riscontro sperato. Ad eccezione dell’incontro di oggi, che suggella un’importante sinergia con il Tribunale, con interessanti prospettive per i nostri professionisti».

Termini come “punto di accesso”, polisweb, redattore atti, non sono altro che gli strumenti messi a disposizione dei professionisti per semplificare e innalzare la qualità del proprio servizio: «Dall’1 settembre di quest’anno – ha spiegato Adriana Puglisi -  il Pct per noi è una realtà: nonostante il comprensibile clima di diffidenza dovuto alla natura del mezzo telematico, sono fiduciosa e confido nell’iniziativa di architetti e ingegneri. Ci siamo già attivati per informatizzare tutto il 2009 e il 2010, ma ad oggi non si conta neanche un Ctu dotato del punto di accesso e questo, nei fatti, ingolfa il sistema, impedendo di godere dei vantaggi previsti. Trasparenza, praticità e sicurezza in “click” dunque: come annunciato dallo stesso presidente Giorlando, proprio da stamattina - 1 dicembre - anche la sezione Fallimentare avvierà la fase di sperimentazione del sistema: «E’ l’unica speranza per parlare ancora di giustizia – ha affermato – perchÚ allo stato dei fatti le montagne di carte e documentazioni rallentano il nostro lavoro. La digitalizzazione degli atti è l’unico modo per velocizzare e rendere sicuri i processi: ma serve che ognuno faccia la sua parte, per questo chiediamo ai professionisti di dotarsi degli strumenti utili, in modo da creare un numero significativo di consulenti a cui rivolgersi». La seconda parte del seminario – coordinato dall’arch. Giuseppe Mazzeo e dall’ing. Alessandro Paternò Raddusa – è entrata nei dettagli, con l’intervento dei rappresentanti di C.O. Gruppo, la società a cui il Ministero ha affidato il project management e di Visura spa.

 

COS’È IL PCT

Il Processo civile telematico non cambia le regole ma solo il mezzo: è il sistema del ministero della Giustizia che digitalizza i flussi formativi e documentali tra utenti esterni (ausiliari del giudice e avvocati) e Uffici giudiziari. Il cosiddetto “punto di accesso” (PdA) consente di redigere e depositare gli atti attraverso l’uso di un “redattore Atti”, di ricevere biglietti di cancelleria e notifiche, di consultare i dati dei Registri di cancelleria presso gli uffici giudiziari. Il professionista, via web, dal proprio studio potrà: creare e firmare digitalmente e trasmettere gli atti a valore legale al Tribunale - attraverso una connessione sicura - e ricevere un’attestazione temporale ufficiale del deposito; ricevere notifiche dal Tribunale al proprio indirizzo di posta Pec sul PdA; accedere in maniera completa a tutte le informazioni e agli atti depositati relativi ai fascicoli delle procedure già accessibili. 

 
 Links Correlati
  · Inoltre Edilweb News
· News by edilweb


Articolo più letto relativo a Edilweb News:
Riforma delle professioni: Ingegneri V.O.


 Votazione Articolo
 
Risultato medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo!

Ottimo
Molto interessante
Interessante
Normale
Brutto


 Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Immagine dell' argomento associato a questo Articolo

Edilweb News

´╗┐ edilweb.it...l\' edilizia sul web